CALDAIE A CONDENSAZIONE – IL RISPARMIO GARANTITO E L’OBBLIGO DI LEGGE

condensazione

 

La direttiva Europea 2005/32/CE soprannominata “Eco-Design“, entrata in vigore nell’agosto del 2005 e recepita in Italia con il Decreto Legislativo n. 201 del 6 novembre 2007, stabilisce quali debbano essere i requisiti tecnici, ai quali i produttori di dispositivi per il riscaldamento dovranno attenersi, già in fase di progettazione, per aumentare l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale del prodotto.

In seguito al recepimento di questa direttiva, da settembre 2015 è scattato l’obbligo di produzione di sole caldaie a condensazione e sono state introdotte le nuove etichettature energetiche sugli standard minimi di efficienza per le caldaie; in particolare è stata creata una nuova classificazione energetica da A++ a G per gli apparecchi per riscaldamento degli ambienti e da A a G per gli apparecchi per produzione di acqua calda sanitaria.

Solo le caldaie a camera aperta, potranno continuare ad essere prodotte, per i casi limite in cui non è possibile installare una caldaia a condensazione, a causa della presenza di canne fumarie collettive in edifici multifamiliari.

Sulla base di quanto recepito dal decreto, pertanto le nuove installazioni di caldaie dovranno orientarsi verso quelle a condensazione, dando quindi una nuova opportunità di risparmio anche al cliente, infatti i modelli di ultima generazione consentono non solo un risparmio energetico, favorendo la diminuzione delle emissioni di CO ma riducono anche i costi del combustibile utilizzato per produrre l’energia necessaria.

Il risparmio nell’utilizzo di queste caldaie è ovviamente legato a diversi fattori, quali la temperatura di funzionamento dell’impianto e la temperatura dell’acqua dell’impianto idraulico, chiaramente più la temperatura è bassa e maggiore è il risparmio.

Se la caldaia viene abbinata ad un impianto a pavimento, il risparmio si può orientativamente considerare attorno al 20-25% mentre abbinato a radiatori tradizionali, si può considerare attorno al 5-10%.

E’ comunque consigliabile rivolgersi a dei professionisti per farsi consigliare al meglio sulle possibili e più idonee soluzioni, per risparmiare sui consumi e garantire il massimo confort.

Comments are closed.

Centro assistenza
autorizzato